Come si svolge una consulenza di armocromia? Tutti gli step seguiti dalle consulenti di immagine

By Silvia - luglio 12, 2020

Oggi vi racconto la mia consulenza di armocromia presso una consulente di immagine. Alla fine di questo post troverete tutti i dettagli.

Per saperne di più, leggi il post dedicato a cos'è l'armocromia e la teoria delle quattro stagioni.



Come si svolge una consulenza di armocromia?

La consulenza per capire la propria stagione si svolge solitamente presso lo studio della professionista.

Per realizzarla al meglio occorre non essere abbronzati e completamente struccati.

Si svolge una sola volta nella vita perché la propria stagione di appartenenza non cambia mai.

Quindi il valore della consulenza è per tutta la vita.

A cosa serve conoscere la propria stagione?

A capire la propria palette di colori amici, ovvero quei colori che ci valorizzano al meglio.

Durante la consulenza ho imparato che un colore è giusto per noi in primis quando non ci mortifica facendoci sembrare stanchi e malati perché non in armonia con il nostro sottotono di pelle.

Inoltre il colore amico è al nostro stesso piano. Vale a dire: non si nota prima il colore di noi e né il colore sparisce quando lo indossiamo.

Gli step dell'analisi del colore (armocromia)

  • Preparazione
Si inizia di fronte allo specchio illuminato con luce naturale.
Per non influenzare l'analisi è meglio andare senza trucco. 
I capelli e i vestiti che si indossano verranno coperti o neutralizzati con due teli bianchi.

  • Il sottotono

La prova del sottotono. Vengono fatti passare sotto al viso i drappi che aiutano ad individuare il sottotono di pelle che può essere caldo o freddo.

In questo caso i colori da cui il sottotono emerge facilmente sono un rosa freddo confrontato con un arancione pescato, oppure un rosso caldo confrontato con un rosso lampone.

Soluzione Se il viso è valorizzato da un arancione pescato o da un rosso caldo, avrò un sottotono di pelle caldo.
In caso contrario, se il viso è valorizzato dal rosa freddo o dal rosso lampone avrò un sottotono di pelle freddo.

La prova del nove verrà data dai metalli. Infatti si confrontano oro e argento e successivamente blu metallizzato e bronzo.

Chi ha il sottotono freddo sarà valorizzato dall'argento e dal blu, viceversa chi ha un sottotono caldo.

Piccolo ripasso: estate e inverno sono stagioni con sottotono caldo, primavera e autunno con sottotono freddo.

  • Il contrasto

Una volta individuato il sottotono si va ad individuare il contrasto con due tessuti a righe.

Il primo a righe spesse (blu e bianche), il secondo con righe sottili (color panna e beige).

Se il nostro viso risalta con il primo tessuto e viceversa le righe sottili del secondo spariscono, avremo un contrasto medio-alto o alta.

Al contrario, se il nostro viso scompare con il primo tessuto e viene valorizzato dalle righe sottili, avremo un contrasto basso o medio-basso.

Armocromia-contrasto-righe

  • L'intensità e la stagione
A questo punto viene fatta una prova con i drappi per scoprire la stagione di appartenenza e fugare tutti i dubbi.

Di solito si confrontano le due stagioni del nostro sottotono di pelle che differiscono per l'intensità.

Ad esempio nel mio caso erano estate ed inverno, la prima stagione dall'intensità bassa e la seconda ad intensità alta.

La mia carnagione reagiva bene con l'intensità alta e quindi con i colori brillanti dell'inverno, rispetto a quelli più tenui dell'estate. Per questo motivo abbiamo decretato che appartengo alla stagione Winter.

  • Il sottogruppo
Ogni stagione ha il suo sottogruppo (4 per stagione seguendo il metodo di Rossella Migliaccio). 

Il sottogruppo si individua verificando i drappi che ci valorizzano di più tra quelli della nostra stagione.

  • La prova con le cornici
Alla fine della consulenza si fa ancora una prova del nove avvicinando la cornice della propria stagione al viso e confrontandola con le altre cornici.

In questo step sarà evidente come gli occhi brillano e la pelle è più luminosa quando siamo circondati dalla nostra palette di colori.


  • Il feedback con la consulente di immagine
L'ultimo step consiste nel feedback con la consulente.

Dopo aver individuato la nostra stagione la consulente ci darà dei suggerimenti su:
- trucco,
- abbigliamento,
- colori da scegliere per il nostro guardaroba (basic, ufficio e occasioni speciali).

Al termine dell'analisi, la consulente invierà un report con un riassunto della consulenza e regalerà a ciascuna cliente una cartolina con la propria palette di appartenenza.

A chi mi sono rivolta?

Per la mia consulenza mi sono rivolta a Melissa, consulente di immagine a Tortona, in Piemonte. Il suo studio si trova proprio sotto il suo negozio in centro.

Lei è una consulente di immagine certificata che ha studiato all'Istituto Marangoni e all'Italian Image Institute è il primo istituto in Italia esclusivamente dedicato alla Consulenza di Immagine, fondato e diretto da Rossella Migliaccio.

La mia stagione e sottogruppo

Dalla mia consulenza personalizzata si è scoperto che sono una Winter Cool.

Il mio sottotono è freddo, ho un contrasto medio-alto e un'intensità medio-alta.

Ho colori delicati e per questo motivo il nero non mi valorizza al massimo.
Il mio colore jolly è il blu in tutte le sue sfumature.

Secondo la Flow Therory posso scivolare nello spicchio adiacente della Summer Cool, con cui condivido alcuni blu, verdi e viola.
Per questo motivo il mio sottogruppo sta bene anche con tonalità pastello, purché siano fredde.

Sono molto soddisfatta del risultato ed è un'esperienza che consiglio a tutte, soprattutto in prossimità di eventi come matrimoni o colloqui importanti.
Pazzesco l'effetto che il colore può avere su ciascuna di noi.

Come dicono le consulenti di immagine, "non è magia ma armocromia".

  • Share:

You Might Also Like

0 commenti

Se quest'articolo ti è stato utile lascia un commento, mi farà molto piacere sapere che sei passato di qui.